CONTACTUSFORM
X





Vatromet_3.jpg
 
NAPRPRETRAGA NAPRPRETRAGA
Gate of Europe

Geografski Informacioni Sistem

USAID

Asocijacija gradova Vesnici mira

Salon antiratne karikature



Udruženje kragujevčana

Logo

Cenni storici sulla città

- L' origine del nome deriva:
dal termine serbo per grifone - kraguj, o
dal nome del proprietario del terreno sul quale è fondata la città - Kraguj

- Si menziona per la prima volta in documenti turchi del 1476.

- Kragujevac vive la sua vera rinascita dall'anno 1818 quando viene proclamata capitale della nuova Serbia dal principe Milos Obrenovic.

Uno degli eventi più importanti che delinea lo sviluppo di Kragujevac è la costruzione della Topolivnica (la fonderia per la fabbricazione di cannoni) poi diventata l'Ente militare - tecnico (il precursore della “Crvena Zastava“).

- Ci sono tante cose per cui Kragujevac è “la prima in Serbia“:

• la prima capitale (1818)
• il primo tribunale – “Serbska kancelarija“ (1820)
• il primo liceo (1833)
• il primo teatro - “Knjazevsko - serbski teatar“ (1835)
• la prima università – “Licej“ (1838), i primi cannoni fabbricati (1853)
• la prima centrale elettrica (1884)

- Uno degli eventi più importanti che delinea lo sviluppo di Kragujevac è la costruzione della Topolivnica (la fonderia per la fabbricazione di cannoni) poi diventata l'Ente militare - tecnico (il precursore della “Crvena Zastava“).

- Il ceco Konstantin Jiricek, nel 1874 racconta così di Kragujevac:
“Se volete vedere il vero luogo serbo, andate a vedere Kragujevac“

- Dalla fine del XIX e all'inizio del XX secolo Kragujevac si amplia secondo i modelli europei, sotto l'influenza diretta di Vienna e Pest. Si erigono tanti edifici, che anche oggi si distinguono per il loro aspetto e monumentalità.

- Come importante centro strategico Kragujevac viene distrutta più volte durante la Prima e la Seconda guerra mondiale. In particolare, un fatto accaduto durante la Seconda guerra mondiale rimarrà nella memoria di Kragujevac: la fucilazione dei suoi abitanti nel 1941 di cui testimonia il parco di memoria “Sumarice“.